Home heizer per sito

Come si è visto nella scheda informativa "Il calcare", la formazione di incrostazioni calcaree sviluppa anidride carbonica che, in presenza di acqua, forma acido carbonico. Tale acido può venire a contatto diretto con i punti delle pareti del bollitore non sufficientemente protette da un idoneo sistema di vetroporcellanatura o zincatura e, per attacco acido, genera corrosione diffusa con asportazione di strati interi di metallo.


Molto spesso l'acqua contiene già all'origine un consistente quantitativo di anidride carbonica libera, che la rende particolarmente acida ed aggressiva. Ciò avviene soprattutto in caso di acque molto dolci, quindi a ridotto contenuto di sali di calcio e magnesio. Pertanto, pur non incrostando, sono comunque in grado di generare corrosione non solo a caldo ma anche a freddo.

Altre forme di corrosione sono dovute all'accoppiamento tra due metalli a potenziali elettrochimici notevolmente diversi (ad esempio rame e zinco) secondo il sistema denominato "a pila", oppure grazie all'azione dell'ossigeno che interviene in quasi tutti i processi corrosivi in ambiente acquoso.

Per proteggere i serbatoi da tale tipo di corrosione, oltre ad un buon processo di vetroporcellanatura a 870°C o di zincatura a caldo, è estremamente opportuno dotare gli apparecchi di una protezione catodica ad anodo di magnesio sacrificale o permanente (Correx-up).

Tutti i nostri scaldacqua sono, di serie, forniti di uno o più anodi di magnesio ispezionabili. E' necessario verificare periodicamente lo stato di usura degli anodi ed eventualmente sostituirli.

Inoltre non si potrà non prescindere dalle normative vigenti in tema di trattamento dell'acqua. La Legge 46/90 impone all'installatore il rispetto delle Normative UNI vigenti che, per quanto riguarda l'ambito dell'acqua calda e fredda, sono la UNI 9182 e la UNI-CTI 8065.

La Uni 9182 prevede i criteri di progettazione, collaudo e gestione degli impianti di alimentazione e distribuzione di acqua fredda e calda, indicando e prescrivendo il trattamento dell'acqua per garantire l'igienicità, l'eliminazione di depositi e incrostazioni e la protezione contro le corrosioni. In appendice a tale norma sono chiaramente indicati i principali processi di trattamento dell'acqua per il raggiungimento di tali obiettivi.

La UNI-CTI 8065 definisce tutti i trattamenti dell'acqua calda sanitaria, in tutte le sue possibili applicazioni.